Srl semplificata: costi e funzionamento

Srl semplificata: costi e funzionamento

Vediamo da vicino i costi e il funzionamento della srl semplificata.

Se desideri metterti in proprio con uno o più soci è importante prendere in considerazione quale forma societaria scegliere. In tal senso può rivelarsi particolarmente utile la Srl semplificata che permette di costituire un’azienda con un capitale sociale minimo di 1 euro e massimo di 10 mila euro. Entriamo quindi nei dettagli e scopriamo assieme costi e funzionamento.

 

Come costituire una Srl semplificata

 

Innanzitutto è importante sapere che per costituire una Società responsabilità limitata semplificata devi rivolgerti ad un notaio che è obbligato a svolgere questa operazione in modo totalmente gratuito. Dopo 20 giorni, il notaio, provvederà a depositare l’atto presso il Registro delle imprese. Non sono previste spese di bollo, mentre le spese di registro si aggirano attorno ai 200 euro. Per aprire la partita Iva, quindi, devi rivolgerti ad un professionista.

 

Costi e contabilità

 

I vantaggi a livello economico di una Srl semplificata riguardano essenzialmente la fase di costituzione. Per il resto, infatti, presenta gli stessi costi di una tradizionale Srl.

 

aprire srl semplificata

 

Ogni anno bisogna pagare la Camera di Commercio, circa 200 euro, la tassa di concessione governativa per la vidimazione dei libri sociali, all’incirca 300 euro, diritti di segreteria per ogni libro sociale di 25 euro e 16 euro di marche da bollo per vidimare ogni 100 pagine del libro sociale.

 

Bisogna inoltre tenere conto dei costi per la tenuta della contabilità ordinaria, che variano in base al luogo in cui si lavora e a quanto richiesto dal professionista che se ne occupa. Generalmente il commercialista chiede un compenso che varia in base al numero di operazioni svolte e al volume di affari della Srls. Per finire, per depositare il bilancio annuale, bisogna pagare altri 150 euro.

 

Regime fiscale della Srl semplificata

 

Prendendo in considerazione il regime fiscale, la Srl semplificata è soggetta ad IRES pari al 27,50% sugli utili, e all’IRAP che incide sul valore della produzione. La tassazione, inoltre, è per competenza e dunque non si tiene conto del fatto che gli utili siano o meno distribuiti ai soci.

 

Conviene costituire una Srl semplificata?

 

I costi di apertura di una Srl semplificata sono alquanto irrisori e da questo punto di vista potrebbe rivelarsi molto conveniente. Allo stesso tempo, però, i costi di gestione sono praticamente uguali a quelli sostenuti da una classica società di capitale, con la differenza che una SRLS ha più difficoltà ad accedere a dei crediti.

 

Avendo per definizione un capitale massimo pari a 10 mila euro, infatti, ha meno credibilità agli occhi di fornitori ed istituti di credito. I costi di gestione, inoltre, sono molto alti e per questo motivo la società responsabilità limitata semplificata è consigliata solo in presenza di un fatturato elevato.

 

Se decidi di optare per una Srls unipersonale, inoltre, è bene sapere che l’unico socio gode dei benefici della responsabilità limitata e deve rispettare le regole dell’unipersonale nella srl tradizionale.

 

A questo punto non ti resta che fare un’attenta valutazione dei pro e dei contro di questa forma societaria. Prima di scegliere la forma giuridica e la natura fiscale, infatti, devi valutare la capacità di riuscire a produrre valore. Più valore si è in grado di produrre, infatti, maggiore sarà il guadagno ottenuto grazie al proprio business.

Post a Comment