Trasferirsi alle Canarie. La guida completa

Trasferirsi alle Canarie. La guida completa

Dopo le tantissime email ricevute su cosa serve per trasferirsi alle Canarie e i vari benefici che ci sono alle Canarie rispetto all’Italia, ho deciso di fare una guida completa.

trasferirsi alle canarie intro

Questa guida sarà in continuo aggiornamento, prometto su tutte le pekore di aggiornarla spesso, con nuove informazioni e contenuti che possono essere utili e interessanti.

 

Perchè trasferirsi alle Canarie?

 

Sogni anche tu di andare a vivere su un’isola fantastica e dire addio allo stress della città? Ebbene, la lista dei luoghi da sogno non è poi così corta, infatti se hai le idee chiare è davvero una possibilità da tenere in considerazione per cominciare una nuova vita. Le Isole Canarie sono una meta gettonata, ma vediamo insieme tutti i vantaggi e gli eventuali svantaggi di questa scelta.

 

Ognuno ha esigenze diverse quindi prima di partire è molto importante conoscere le leggi, le possibilità di lavoro, la sanità, il costo della vita, le varie isole, il clima e i documenti necessari al trasferimento.

 

Innanzitutto bisogna dire che delle Canarie fanno parte 7 isole maggiori e 2 minori, sotto il punto di vista amministrativo appartengono alla Spagna e si trovano nell’Oceano Atlantico. Il clima è mite tutto l’anno, infatti si sente spesso parlare della “primavera eterna” alle Canarie.
Se ami quindi il caldo e il mare, questi sono già dei vantaggi.

 

Inoltre è un luogo adatto ai pensionati che desiderano ritirarsi in un ambiente tranquillo e godersi finalmente la pensione che spesso non subisce alcuna detrazione fiscale, ma anche per imprenditori e chi lavora nel digitale. Vediamo nel dettaglio i vari aspetti.

 

Lavoro e costo della vita alle Canarie

 

Le Isole Canarie non sono soltanto un posto da sogno, con spiagge e mare a perdita d’occhio ma qui si vive realmente meglio rispetto a molti altri stati europei. Gli italiani che decidono di trasferirsi qui infatti sono sempre più numerosi perché il costo della vita è decisamente inferiore e la tassazione è fra le più basse d’Europa.

 

Gli affitti delle case, per esempio si aggirano intorno ai 400 euro e stiamo parlando di abitazioni vista mare su un’isola dove il clima mite permette di non accedere il riscaldamento nemmeno in pieno inverno.

 

Questi sono grandi vantaggi se si pensa ai prezzi esagerati degli affitti in Italia, specialmente al nord. Inoltre il cibo costa molto meno e puoi goderti una cena in uno dei migliori ristoranti di lusso con appena 20 euro a persona.
Stesso discorso vale per la benzina, le sigarette e l’alcool.

 

Per quanto riguarda la situazione lavorativa alle Canarie, sicuramente molti anni fa sarebbe stato più facile trovare subito lavoro alle Canarie, ma nonostante la concorrenza, è possibile investire sugli immobili per poi affittarli oppure comprare un locale e gestirlo direttamente in loco, il che offre davvero molti incentivi ed agevolazioni.

 

Anche i freelance, i lavoratori online sono ben accetti, insieme a professionisti nel settore sportivo e sanitario.

 

Documenti necessari e sanità alle Canarie

 

Quali documenti servono per trasferirsi e lavorare alle Canarie?

Dunque, oltre al passaporto che rimane comunque un documento non obbligatorio in Europa ma sempre parecchio utile quando si viaggia, è importante sapere che una volta arrivati sull’isola scelta bisognerà recarsi nei vari uffici.

 

La prima tappa è l’oficina de extranjeria, dove segnalerai la tua presenza in loco, successivamente dovrai iscriverti al padrón municipal (una sorta di anagrafe), richiedere il NIE (codice fiscale) al commissariato di polizia ed infine la tarjeta de segurida social che servirà per usufruire della sanità.

 

Proprio il sistema sanitario è uno dei punti forti delle Canarie, infatti è gratuito per i primi 3 mesi presentando la tessera sanitaria italiana ed andrà poi rinnovato con l’acquisto di un’assicurazione privata. Dopo aver iniziato a lavorare lì, pagherai la tessera sociale che comprende appunto tutti i servizi sanitari di cui godono i cittadini delle Canarie.

 

Gli svantaggi sono davvero pochi, per esempio se non parli spagnolo magari sarebbe meglio fare un corso prima di partire oppure valutare bene le varie possibilità lavorative mentre si è ancora in Italia, in modo da non arrivare impreparato ai colloqui o non sapendo cosa aspettarsi.

Sono Zio Pekora, Esperto in management e startup, amo dare consigli in modo chiaro per non farsi mangiare dai lupi!

Post a Comment